UniDoLa - Unione Docenti di Laboratorio è un'organizzazione spontanea, autonoma e indipendente da governi, partiti, sindacati, padroni.

I docenti di laboratorio sono quelli giuridicamente definiti dallo status di "insegnanti tecnico pratici", spesso indicati dall'acronimo "I.T.P." che quest'unione respinge in quanto normativamente inesistente e inadeguato al contesto scolastico.

UniDoLa si propone:

  • la tutela della professione di docente di laboratorio quale figura autonoma, indipendente e con piena parità di diritti e doveri rispetto agli altri docenti;
  • l'inquadramento nel ruolo unico dei docenti data la sua funzione di pari attribuzione e responsabilità rispetto ai colleghi delle altre classi di concorso;
  • l'individuazione di un percorso di riqualificazione per il quale venga previsto come titolo di accesso la laurea magistrale più almeno un diploma tecnico specifico della classe di concorso;
  • il potenziamento delle risorse da investire nei laboratori e la totale esclusività dell'insegnamento nelle relative ore sia negli istituti professionali che in quelli tecnici (abolizione delle compresenze).

UniDoLa ha lo scopo precipuo di informare la categoria sulle iniziative legislative, giurisprudenziali, amministrative poste in essere dagli organi preposti e di mettere in campo iniziative di organizzazione anche a titolo militativo per la tutela dei diritti eventualmente lesi.

Chi si registra al portale sostiene e rafforza le iniziative di UniDoLa che le fornisce a titolo completamente gratuito.

Per fruire invece di ulteriori iniziative, quali ad esempio:

  • Convenzioni per corsi di perfezionamento universitari post diplomi e lauree;
  • Convenzioni per master universitari;
  • Convenzioni per corsi di ECDL, EIPASS, Corsi di programmatore, operatore terminale, LIM, B2 ecc.

potrà essere richiesto da UniDoLa un minimo contributo volontario a titolo di rimborso spese.

UniDoLa porta avanti le seguenti battaglie:

  1. Eliminazione della tab. C, introduzione del ruolo unico docente ed equiparazione della funzione del docente di laboratorio al livello giuridico ed economico dei colleghi delle altre materie;
  2. Abolizione delle compresenze in tutte le materie del relativo insegnamento;
  3. Introduzione della laurea magistrale + diploma specifico come unico titolo di accesso al ruolo, previo periodo transitorio da far valere per i soli docenti già inclusi nelle soppresse GaE;
  4. Realizzazione di percorsi di riqualificazione accademica per i docenti di laboratorio in servizio sprovvisti di laurea, mediante introduzione di corsi riservati speciali;
  5. Possibilità di frequentare corsi di riconversione su materie affini per coloro che sono in possesso dello specifico titolo di studio o di riqualificazione;
  6. Potenziamento dei laboratori degli istituti tecnici e professionali;
  7. Realizzazione degli uffici tecnici in tutti gli istituti tecnici e professionali, a prescindere dal numero di classi presenti;
  8. Semiesonero dall'insegnamento per almeno 4 h settimanali ai docenti nominati direttori di laboratorio per l'organizzazione e la verifica in itinere delle attività didattiche previste.